Company

Products

Caratteristiche generali barelle

Effetto Twist

Effetto Twist

Twist è il nuovo punto di vista di Spencer sulle barelle di classe superiore. Per colmare la grande lacuna delle barelle autocaricanti, determinata dalla scarsa manovrabilità riconducibile alla presenza di sole due ruote piroettanti, è nato il sistema Twist.
Quando sia necessario aumentare la manovrabilità della barella è sufficiente azionare una leva e immediatamente le ruote anteriori fisse del carrello diventano piroettanti. Con la stessa semplicità le ruote si riposizioneranno nella condizione naturale lasciando la presa della leva.
Spencer, sempre attenta al miglioramento oggettivo delle condizioni di lavoro degli operatori, con Twist, oltre a introdurre un sistema che ottimizza le operazioni di manovra, riduce il carico sulle zone lombari che si presenta ogni qualvolta si debba cambiare direzione alla barella.
Il sistema Twist può essere richiesto sulle barelle Cross, Carrera, Alto e Fox.
SCS

Effetto Compliance Suspension

Spencer ha sviluppato un nuovo "concept" di sospensione, il sistema SCS (Spencer Compliance Suspension), che rappresenta un importante passo avanti nel campo dell'architettura delle sospensioni passive. SCS si differenzia dall'approccio tradizionale per il modo in cui si generano gli spostamenti sotto carico della sospensione. Prevede infatti un semplice braccio con particolari proprietà di rigidezza che consentono al braccio stesso di garantire il tradizionale ruolo strutturale, ma anche di contribuire pesantemente allo spostamento sotto carico della sospensione.
La speciale geometria arcuata delle gambe modifica immediatamente la forza di smorzamento di ciascuna ruota in funzione del fondo stradale. Il risultato di questa integrazione di funzioni è un sistema in grado di assicurare un livello elevato di comfort e sicurezza, senza la complessità e i costi normalmente associati a una prestazione equivalente. Tra le caratteristiche migliorate, la più rilevante è la flessibilità longitudinale della sospensione, fondamentale per la creazione di alti livelli di comfort.

Effetto Self

Il sistema Self consente la movimentazione del carico (paziente) eliminando il rischio di sollevamento del peso in inclinazione del tronco. Tutto ciò grazie al fatto che il caricamento sul piano di calpestio dell'autoambulanza e il conseguente scaricamento vengono sostenuti completamente dal sistema Self della barella. Tale sistema è composto da un'articolata geometria della parte inferiore del carrello che, nella sua fase di chiusura, viene attivata grazie a un movimento di spinta e non di sollevamento, portando a contatto del piano di carico le ruote di cui è dotato. Merito della disposizione di tali ruote è che il carico scivola senza bisogno di forze diverse.
Tale sistema dunque, se da un lato elimina ogni rischio di stress strutturale dorso-lombare per l'operatore, dall'altro presenta, nella sua utilizzazione come carrello, un'elevata stabilità e maneggevolezza, grazie alla struttura bilanciata e alla mancanza di sbalzi, uniti al rotolamento su ruote di appoggio di ben 200 mm di diametro. Il tutto compreso entro un peso molto limitato e un bilanciamento perfetto.
Effetto Self Grazie al sistema Self l'operatore interagisce con la barella solo con un movimento di spinta ed elimina ogni rischio di stress strutturale dorso-lombare.
Effetto Self Le barelle sprovviste di effetto Self necessitano di un sollevamento sia in fase di carico che di scarico con un conseguente sovraccarico del rachide.
Crash assist

Crash assist

Alla Spencer si pensa sempre ai casi estremi, per questo abbiamo ulteriormente migliorato le zone di assorbimento con Crash-assist. Baricentro disassato, pistone compensato, telaio ausiliario. Risultato: solo 190 mm di escursione in caduta.
Silenziosità

Silenziosità

La silenziosità di marcia viene comunque apprezzata e amplificata durante il trasporto in ambulanza, quando le cure del paziente impongono grande concentrazione. L'interposizione tra elementi metallici di sistemi autolubrificanti in nylon garantisce silenziosità, ripetibilità e durata. Quello che stupisce è l'assoluta mancanza di vibrazioni anche sul pavè, che la dice lunga sul lavoro di equilibratura e di smorzamento del rumore.

Ruote

Ruote 200 mm: maggiore scorrevolezza con minore sforzo di spinta. Ruote stampate in copolimero scorrevole su cuscinetti a sfera di precisione e gommatura poliuretanica "soft" di estrema leggerezza ed elasticità. L'adozione di cuscinetti a sfera sia per il piroettamento dei supporti sia sull'asse di rotazione della ruota e di rivestimenti morbidi (gomma elastica) conferiscono alle barelle Spencer una considerevole attenuazione della rumorosità anche su pavimentazioni non perfettamente lisce. L'elasticità del rivestimento poliuretanico garantisce il massimo comfort poichè, grazie all'elevata capacità di assorbimento degli urti, ogni asperità del terreno è assorbita senza trasmettere alcuna vibrazione o sobbalzo alla barella. Il disegno del battistrada è realizzato per assicurare uno scorrimento silenzioso, una perfetta aderenza alla pavimentazione. La calibratura dell'anello, ottenuta con una speciale tecnica di costruzione, permette di avere una concentricità senza ovalizzazioni, che garantisce una rotazione uniforme.

Freni

Un sistema di frenatura integrato permette lo stazionamento in pendenza, facilita la direzionalità e il bloccaggio della barella nel luogo desiderato. L'operazione di frenatura, facilitata dal largo pedale di azionamento, avviene dolcemente e senza sforzo, non richiede alcuna regolazione e blocca simultaneamente sia la ruota che il supporto.
Freni I supporti delle ruote con diametro di 100, 125 e 150 mm sono realizzati in resina acetalica e hanno il gruppo rotante del tipo a doppia corona di sfere.
Freni I supporti delle ruote con diametro di 200 mm sono realizzati in acciaio stampato a freddo e cromato o in acciaio inox e hanno il gruppo rotante del tipo a doppia corona di sfere.
Verniciatura

Verniciatura

Con la verniciatura a polvere, metodo che produce pochi residui nocivi e quindi molto ecologico, siamo entrati in un campo nuovo per l'industria delle barelle. Un campo in cui abbiamo scoperto e imparato parecchie cose, come dimostrano i risultati raggiunti: eliminazione totale dei solventi, eliminazione quasi totale delle acque di scarico, quota di rifiuti complessiva inferiore al 5%; tutto questo ottenendo una qualità migliore non realizzabile con metodi tradizionali.
Telaio saldato

Telaio saldato

Oltre al rigido telaio superiore, è soprattutto sulla forcella della gamba posteriore che si sbizzarrisce l'estro che ha contraddistinto la produzione Spencer fin dai primi anni della sua giovane ma intensa storia. La struttura mostra infatti una curvatura marcata. Il risultato estetico è gratificante e quello su strada ancora di più, perchè uno chassis così concepito contrasta ogni sollecitazione del fondo stradale. Se scendiamo più nel dettaglio noteremo che, oltre ad avere un andamento curvo, i tubi hanno anche una sezione altamente variabile e sono saldati con tecniche appropriate. Onestamente, tracciare un confine tra motivazioni estetiche e ragioni strutturali alla base di tali forme risulta difficile. L'importante à sottolineare che il giudizio della strada a proposito del telaio saldato nel suo insieme è eccezionale per affidabilità, leggerezza, rigidità, durata e versatilità.

Design ergonomico

Noi crediamo che il buon design debba cominciare dalla piena comprensione delle funzioni di un prodotto. Per noi questo significa prendere in considerazione in modo dinamico semplici operazioni di apertura e chiusura, serraggio, regolazione, traslazione e analizzare per ciascuna di esse l'interazione tra l'operatore e la barella, che avviene tramite l'impiego dell'elemento che costituisce il dispositivo di comando. Questi elementi, pertanto, non sono soltanto studiati per avere un aspetto esteticamente gradevole e assicurare una presa confortevole, ma nascono per rendere la vita più facile all'operatore ogni volta che li utilizza e per continuare a farlo per tutta la vita della barella. Questo si può vedere osservando alcuni dei nostri elementi di manovra più da vicino.
Design ergonomico Nel pomello per l'abbassamento dello schienale, grazie alla creazione di un generoso raggio rispetto all'asse principale, le dita della mano trovano una naturale posizione ergonomica entro gli incavi disegnati nella parte laterale, mentre il pollice trova un naturale appoggio sull'etichetta resinata posizionata sulla testa del pomello. In questa posizione si applica la massima coppia con il minimo sforzo.
Design ergonomico La leva per la selezione dell'altezza variabile ha una forma leggermente arcuata con ingrossamento ergonomico terminale per offrire una presa confortevole e sicura alla mano dell'operatore.
Design ergonomico Il pomello per la selezione della lunghezza dei manici telescopici presenta un rilevante gradino che lo separa dalla manopola stessa e crea lo spazio che facilita il corretto posizionamento del pollice garantendo un'attivazione docile e sicura.

HD-K

Design funzionale

Design ergonomico
Il mondo sembra correre verso schemi sempre più complessi da comprendere e lontani dalla praticità di tutti i giorni. Il nuovo sistema di comando HD-K propone invece uno stile nuovo di declinare con semplicità l'innovazione, non perdendo mai di vista la complicità tecnologica: sintesi dell'armonia tra l'essenzialità dello stile e l'interattività della meccanica. Spencer ha segnato un nuovo modo di interpretare la complicità tra noi e le più recenti soluzioni tecnologiche, proponendo una nuova generazione di sistemi integrati per i comandi della movimentazione, in grado di sorprendere sin dal primo sguardo. Le linee aggressive e rassicuranti rendono immediatamente riconoscibile il carismatico profilo di Spencer HD-K, ispirato alla funzionalità assoluta e alla ricerca continua della sintesi tra ergonomia, raffinata bellezza delle forme e attenzione per i dettagli.
Compensazione La compensazione del sollevamento nell'intera escursione verticale è ottenuta con un meccanismo di controbilanciamento brevettato ed estremamente compatto, basato sulla compressione combinata di più elementi elastici regolati da una manopola ergonomica.
Sicura La sicura, realizzata interamente in termoplastica autolubrificante, si trova nella parte superiore ed è molto facile da utilizzare e, grazie a una colorazione brillante, molto facile da identificare.
Profilo Il profilo è tronco-ellissoidale con la superficie di contatto più larga; un accorgimento che rende più confortevole la presa e contrasta la tendenza allo sfilamento della mano.

Centro prove

Il traguardo è forse troppo ambizioso nell'immediato, ma certamente il Centro Prove Spencer ha l'obiettivo di diventare in poco tempo uno dei punti di riferimento di rilevanza internazionale sia per gli enti e le associazioni che si occupano di emergenza sia per tutte quelle aziende che intendono testare i propri prodotti, impianti e accessori, anche a elevato contenuto tecnologico. Infatti crediamo che per continuare ad essere leader in un mercato in evoluzione la strada da percorrere sia quella dell'integrazione, da perseguire non solo all'interno della propria azienda, ma in maniera più ampia ed estesa, anche nei confronti di fornitori e partner.
Spencer dedica un intero reparto e figure con un'alta professionalità alle prove e alla simulazione dei propri prodotti e sistemi. In questo reparto sono presenti macchine e sistemi in grado di testare e validare il crash test dinamico e statico, vibrazione, carico statico e dinamico, ripetibilità, fatica e altre prove che conferiscano al prodotto stesso la qualità che si merita la stella che accompagna da sempre il nostro marchio.
Thor G Come in tutti i laboratori sperimentali, anche nel Centro Prove Spencer si cerca sempre di ottenere misure sempre più affidabili e ripetibili. è con questo spirito che abbiamo realizzato Thor-G, un sistema avanzato di crash test statico.

Fissaggi

La sicurezza di un'autoambulanza si misura dalla capacità di integrare le diverse soluzioni in un insieme perfettamente armonico e sinergico. Sia nelle simulazioni al computer che nei test pratici, tutti i fissaggi sono stati testati e ottimizzati in termini di comportamento di crash, robustezza e rigidità, nonchè di resistenza a flessioni e torsioni. In teoria e nella pratica, gli ingegneri hanno eseguito svariate prove di collisione frontale, asimmetrica, laterale e posteriore, test di ribaltamento secondo quanto prescritto dalle severe direttive interne Spencer e dalle regole di crash test richieste dalle UNI 1789. I sistemi di ritenuta, tra cui spiccano le ricchissime dotazioni di cinture pretensionate con limitatori di carico, contenimento di bombole di gas compresso, apparecchiature medicali o semplici zaini, sono testati secondo standard severi e sviluppati con i fornitori leader mondiali per garantire sulle ambulanze equipaggiate con fissaggi Spencer lo stato dell'arte in termini di protezione. Test così severi consentono ai Vostri fissaggi e ai rispettivi dispositivi di affrontare serenamente la vita di tutti i giorni.
Thor-EN Una macchina che ci consente nella quotidianità soluzioni avanzate per prove di fatica ad alto e basso numero di cicli, oltre a determinare l'integrità di strutture complete o di sottoassiemi.

Struttura deformabile per un assorbimento mirato dell'energia d'impatto

La struttura del telaio delle barelle Spencer è concepita per deformarsi in caso di collisione, in modo da consentire un assorbimento dell'energia d'urto e proteggere al meglio gli occupanti del veicolo. Sia nelle simulazioni al computer che nei test pratici, tutte le versioni delle barelle sono state testate e ottimizzate in termini di comportamento di crash, robustezza e rigidità, nonchè di resistenza a flessioni e torsioni. In teoria e nella pratica, gli ingegneri hanno eseguito svariate prove di collisione frontale, asimmetrica, laterale e posteriore, test di caduta da tre metri e di ribaltamento secondo quanto prescritto dalle severe direttive interne Spencer.
Thor Up Possiamo anche utilizzare certi programmi di calcolo che riducono i tempi di studio delle barelle. I crash test simulati al computer anticipano alla perfezione i comportamenti reali.